Meeting di Rimini 2009


Con le sue oltre 800mila presenze medie, risulta essere il festival estivo di incontri, mostre, musica e spettacolo più frequentato del mondo.
Parte dei padiglioni della Fiera in cui si svolge la manifestazione è tradizionalmente riservato al Villaggio Ragazzi, spazio dedicato ai più piccoli tra i visitatori.
All’interno di questo settore è stata realizzata l’area di Piccole Tracce (circa 300 Mq).

Per l’edizione 2009 del Meeting è stata allestita una mostra rivolta ai bambini in età scolare dal titolo “LE STELLE, LA TERRA… IO. Viaggio dall’universo all’origine dell’uomo, passando per le meraviglie del nostro pianeta”.
Durante ogni giornata della manifestazione, hanno visitato la mostra circa 15 gruppi composti da 35 bambini per un totale di circa 4.000 visite. Due volte al giorno, le visite guidate terminavano con un laboratorio didattico in cui i bambini partecipavano attivamente a esperimenti scientifici e attività ludiche legate ai contenuti dell’esposizione. Tra i visitatori, ci sono state anche 10 classi di scuole elementari provenienti dalle zone circostanti Rimini.

È stata realizzata una versione itinerante della mostra disponibile per il noleggio. Già durante la manifestazione abbiamo ricevuto numerose richieste di prenotazione da tutta Italia. La presenza al Meeting ha inoltre favorito la creazione di nuovi rapporti con educatori e insegnanti provenienti da varie zone del Paese.
La partecipazione di Piccole Tracce non si è limitata all’installazione della mostra. Il Capobanda infatti, personaggio principale della rivista, è stato protagonista dei giochi pomeridiani che si sono svolti nell’anfiteatro del Villaggio Ragazzi e che hanno visto la presenza di circa 200 bambini ogni giorno.
Inoltre tutte le sere alle 22.00 il Capobanda chiudeva la giornata del Villaggio con la lettura della favola della buona notte.
Otre alla Mostra nell’area di Piccole Tracce è stato allestito uno stand per la promozione dell’abbonamento alla rivista e la vendita dei nuovi prodotti editoriali di Piccola Casa Editrice, in particolare la guida da cui è stata tratta la mostra e il libretto dei canti.
Adiacente allo stand è stata predisposta un’area in cui durante il giorno i bambini sostavano per disegnare e partecipare a momenti di giochi e laboratori.